La bona sera e buon principio d’anno

La bona sera e buon principio d’anno

a tutte sti signure in compagnia!

Simmo venute e turnammo ògne anno

Per farve chillo aurio che sapimmo.

 

Spilateve li rrecchie, apritece lu core,

la casa, la dispensa e la cantina,

ca cheste so ghiurnate de cuntiente:

se magna e se beve e nun se penza a niente.

 

1

Aprimmo l'anno nuovo

co tric-trac e botte

passammo chesta notte

in allegria.

 

2

Nascette lu Messìa

avenne puveriello,

nu voje e n'aseniello

pe vrasera.

 

3

Da tanno a sta manera

passato s'è stu juorno,

pe ffà dispietto e scuorno

a Farfariello.

 

4

Ca chillo mariunciello

nce avea tutte aggranfate

nè ce avarrìa lassate

e nce arrosteva.

 

5

Si ntiempo nun veneva

da Cielo lu Guaglione,

ca p'essere sguazzone

nce priggijae.

 

6

E tutte da li guaie

vulette liberarce,

patenno e co lassarce

purzì lu piello.

 

7

Ma nuie che scurdarielle

nun simmo e manco ngrate,

passammo sti ghiumate

a fa' sciacquitto.

 

8

E lu sentire schitto

turnà lu zampognaro

nce mette 'allummacare

alleramente.

 

9

Nce fà venire a mente

la luminosa stella,

la bella grotticella

e li pasture.

 

10

Che gruosse e criature

dall'angelo avvisate

currevano priate

a la capanna.

 

11

E chi lle porta o manna

co ceste e co panare,

e chi lo va 'adurare

a faccia nterra.

 

12

E da luntana terra

pe ffino li tre magge

 cu traine e carriagge

se partettero.

 

13

Ch' appena che vedettero

lu cielo alluminato,

dicettero era nato

lu Messìa

 

14

E con gran cortesia

vediste aggenucchione

de nanze a nu guaglione

tre regnante.

 

15

Arode, re birbante,

trasette già mpaura

ca chella criatura

lo spriorava.

 

16

E pecchè se tremmava,

chell' arma ntraverzata

fà fà' chella salata

de guagliune.

 

17

Che, simmele a picciune,

li ffacette scannare,

pe farece ncappare

a lu bammino.

 

18

Chiù nfame, chiù assassine,

n'avite visto maie?!

E nterra nun chiavaje

tanno per tanno.

 

19

Ma le restaie lu nganno

nè ne caccia niente

cu tutte li nuziente

ch' accedette.

 

20

Chè la Madonna avette

da Cielo lu cunziglio

de ne fuì' lu figlio

tanno, tanno.

 

21

Sti ccose già se sanno,

ma quanno è chistu juorno

nce affollano chiù attuorno

a la memoria.

 

22

E sia ditto pe gloria,

nce portano allegrezza,

tanto che nc' è priezza

p’ ogne parte.

 

23

E sulo all' addonare

ch'asciute so' li ppigne

te preje a chillu signe

de Natale.

 

24

Vi' mo p' ògne locale

pe ppuoste e pe puntune,

li rrobbe so' a muntune

apparicchiate.

 

25

A festa so' aparate

purzì fora li vie

poteche, speziàrie

e bancarelle.

 

26

E nne vide spurtelle,

panare, votte e ceste,

e scatole e caneste,

e gran spurtune!

 

27

D'anguille e capitune

e pisce d'ogne sciorte

ne vide grosse sporte

a centenare.

 

28

Tutta sta rrobba pare

putesse abbastà n'anno

e pure tanno, tanno

scomparisce.

 

29

La gente trase e esce,

e corre e va e véne,

e spenne quanto tene

pe la canna.

 

30

Nè truove chi nun manna

n'aurio o nu rialo:

sarrà malo Natalo

nun mannà niente.

 

31

Lu strazio de' nuziente

se fà cu li capune,

che songo a miliune

scapezzate.

 

32

Neh! vuie quanno truvate

chiù festa e chiù allegria?

ma la pezzenteria

nun canuscimmo.

 

33

E nuie perzò venimmo

co festa cante e suone

a purtà' lu buono

principio d'anno.

 

34

Priesto ca fenerranno

li guaie e li turmiente,

nè mmaie cchiù lamiente

sentarrate.

 

35

Spero che vedarrate

spuntà' pe vvuie na stella

lucente comm' a chella

e auriosa.

 

36

Spero ch' assaie sfarzosa

la sciorte addeventasse,

e che ve contentasse

a tutte quante.

 

37

Si si' niuziante

sempe puozz'aunnare

comm'aònna lu mare

ntutte ll' ore.

 

38

Si po' si' vennetore

e tiene magazzino

se pozza ògne carrino

fà' ducato.

 

39

Si po', si' n'avvucato,

te dico sulamente

che puozze avè' cliente

cape tuoste.

 

40

Pecchè l'abbusco vuosto

nce sta ogne manera:

o perde, o va ngalera,

o fà denare!

 

41

Puozze, si si' nutare,

fà' poche testamiente,

capitule e strumiente

nzine fine.

 

42

Si' nu ngegnere fine?

Truvasse ricche pazze

per fravecà' palazze

e turriune.

 

43

O meglio a la commune

aggranfete culI'ògne,

ca llà sempe se mogne

e se va nchino.

 

44

Si' n'ommo traffechino

e vuo' cagnare stato?

rijesce deputato

o conzigliere.

 

45

Tanno si' cavaliere?

Si lu guverno appruove

ll' anema de li chiuove

venarranno.

 

46

Si prevete? Te manno

ll' aurio ca dimane

si' fatto parrucchiano

o monsignore.

 

47

Si si' faticatore,

salute, forza e accunte!

Accossì tu la spunte

e può campare.

 

48

Però aje da scanzare

lu juoco e la cantina

o ncuorpo la matina

niente trase.

 

49

Si si' patrone 'e case

te scanza lu Signore

de male pavature

comm a nnuie.

 

50

Che ntiempo se ne fuie

li tterze si nun pava

e se porta la chiava

d'altrittante.

 

51

Si po' si navigante

nn’ avisse maie tempeste

fà' li viagge leste

e ricche ancora.

 

52

Si' miedeco? Bonora

me', mbruoglie nveretate!

Va', puozze ògne malate

fà' guarire.

 

53

Sti bobbe, pozzo dire,

Si si' nu speziale

sanasse ògne male

ògne dulore.

 

54

Si po' si' ghiucatore,

venga la carta mpoppa

nè puozze maie fà' toppa

a zecchinetto.

 

55

Si essere prutetto

da la fortuna vuoje

cerca 'e fà' quanto puoje

d'essere ciuccio.

 

56

Si' quacche mpiegatuccio?

Puozze piglià' nu terno

si no starraje n'eterno

ndebetato!

 

57

Nzomma, nqualunque stato

avisse li rrecchizze

e chelle contentizze

c'addesirie.

 

58

E chi ne tene mmiria

che pozza fà' na botta

o lle scennesse sotta

nu contrappiso.

 

59

Troppo nce avite ntiso,

e ve site stufate

e nuie simmo stracquate

e sete avimmo.

 

60

Daccà nun ce munimmo

la faccia è troppa tosta,

simmo venute apposta

e ll' aspettammo.

 

61

Neh! Ch'addesiderammo?

Castagne, fiche e nuce,

e autre cose duce,

e susamielIe.

 

62

Duie o tre canestrielle

abbastano a sta panza:

sapimmo la crianza

e simmo poche.

 

63

Primma de chessa lloche

nce aprite la dispenza:

simmo de confidenza

pigliammo tutto!

 

64

o provole, o presutto,

n'arrusto nu castrato

o friddo o sia scarfato

nu capone.

 

65

Nuie, l'obbricazione

sapimmo esattamente,

né ce restammo niente

pe farve annore.

 

66

Ca site nu signore

sfarzuso e corazzone,

e ntutte l'occasione

nun scumpante.

 

67

Piacere anze n'avite,

si v' immo scommorato,

e nce addesiderate

l'anno che vene.

 

68

Tanno trovà' cchiù bene

sperammo e cchiù allegria

e na speziarìa

'e cose doce.

 

69

Nce resta anze la voce

pe ve cercà' licenza

dann' a sta bona udienza

la bona notte.

 

70

E bona notte,

Buon capodanno a tutte,

e bona notte!

La Notte di Natale

La Notte di Natale

In questi giorni scorrono i ricordi delle cose che facevamo giù.
La notte di Natale era uno degli eventi clou del panorama di tradizioni che ho vissuto nella mia adolescenza.
Si arrivava giù pochissimi giorni prima ed era tutta una corsa: mamma e papà che pulivano in fretta la casa dopo un anno intero che era stata chiusa.

Io che mi dovevo procurare i botti!!!

Visita a tutti i parenti che se no si offendono e da tutti si mangiavano zeppole di ogni tipo.
E poi la messa di mezzanotte con la "calata della stella" a Pontone.
La messa non durava mai tantissimo e Don Luigi è sempre stato un piacere ascoltarlo.
I parenti c'erano sempre tutti; ricordo che il borgo di Pontone in quel periodo "era targato Udine" e rivedevo un sacco di cugini del nord e del Sud. E si aspettava il giorno dopo che "veniva Natale" e andavamo a pranzo dai nonni... ma questa è un'altra storia; una di quelle davvero belle!

Tanti Cari Auguri a tutti. Scalesi e non! Buona Vigilia e Buone Feste

Il Viaggio per giù a Natale

Il Viaggio per giù a Natale

21 dicembre, finiscono le scuole, cominciano le Vacanze di Natale.
Sono sempre presenti i ricordi di questo periodo quando si viveva l'inverno solo per andare Giù; quando verso metà dicembre papà ci diceva quando avevano pensato di partire. Il massimo era partire lo stesso giorno che finiva la scuola (anzi prima!!). 
Si caricava la macchina e non una macchina qualunque: era LA MACCHINA; Renault 18 Turbo che per 17 anni ci ha accompagnato tra il NordEst, Tratto Appenninico, Roma Grande Raccordo Anulare, Vietri oppure Valico di Chiunzi.
La macchina solo papà poteva caricarla, con una precisione talmente metodica che Verdone alias Furio scansati. Mamma ci sistemava il sedile dietro con cuscini, coperte e poi papà riempiva ogni spazio disponibile compreso il sotto-sedile dove normalmente metti i piedi.
Poi si caricava il tetto; ricordo ancora il metodo scientifico nel legare le borse precedentemente avvolte nei sacchi per evitare si rovinassero.
E finalmente si partiva con tutti i tipi di partenza possibili: al mattino presto, la sera tardi, alle 2 del mattino... e non importava l'orario; per il viaggio mamma preparava da mangiare: panino con la frittata oppure frittata di spaghetti oppure tuttedue e poi c'era l'autogrill dove potevamo andare in bagno "ma non si compra niente".
Il viaggio a volte snervava, ci annoiavamo ma era il VIAGGIO; sapevamo dove stavamo andando ed eravamo FELICI.
Poi si arrivava giù, eravamo stanchi ma la macchina andava scaricata e nell'ordine che diceva papà: lui ci passava le cose e noi le portavamo fino a casa. 
La casa, la ricordo ancora prima della ristrutturazione con le finestre rotte e i muri che scendeva l'intonaco ma era la casa di giù e ci stavamo bene.
E poi il tempo volava e quanti pianti al ritorno per salire al nord.
Per me il Natale è anche questo o forse dovrei dire che ERA questo.
Tanta malinconia ma GRAZIE, davvero GRAZIE per tutto questo!
Buone feste a tutti

Per ogni eventuale altra informazione scrivi pure alla seguente mail: info@pizzoferro.it

Chatta qui su Whatsapp
Close and go back to page